Il cifrario di Beale

10 Minuti di Misteri Irrisolti

13-09-2022 • 10 minuti

Nel 1885 la Virginian Job Print di Lynchburg stampò un opuscolo intitolato The Beale Papers, venduto alla non modica cifra di 50 centesimi dell’epoca, circa 14 dollari di oggi. Il prezzo era molto alto, ma, in un certo senso, valeva la candela, perché al suo interno vi era la storia di un tesoro ricchissimo: parliamo di 3 tonnellate d’oro e d’argento dal valore complessivo di 220.000 dollari dell’Ottocento. Il vero autore dell’opuscolo, che, per questione di comodità, d’ora in avanti chiameremo “lo scrittore”, scelse l’anonimato e delegò il compito della pubblicazione a un suo amico, per evitare che le persone lo contattassero in cerca di risposte. Il motivo è facile da intuire: il Beale Papers conteneva un intricato mistero crittografico, tramandato di persona in persona per quasi cent’anni. Al centro della vicenda vi era un’ingente fortuna che chiunque poteva trovare, a patto di decifrare i messaggi dell’avventuriero Thomas Beale.

Scopriamo insieme questo mistero.

Host: Vinci Torrisi