San Giuliano Terme, 13-14 gennaio 2012 - Seconda parte

Indagini

01-12-2023 • 45 mins

Ogni due mesi c’è Altre Indagini: altre storie di Stefano Nazzi per le persone abbonate al Post. Per ascoltare Altre Indagini, abbonati al Post. Nella notte tra 13 e 14 gennaio 2012 Roberta Ragusa scomparve dalla sua casa di Gello, frazione di San Giuliano Terme, in provincia di Pisa. Il marito, Antonio Logli, disse che la mattina del 14 si era svegliato alle 6.30 e si era accorto dell’assenza della moglie. Gli abiti erano in casa, e così portafogli, soldi, carte di credito, documenti. Secondo l’uomo, Roberta Ragusa si era allontanata con indosso un pigiama rosa e le pantofole. Quella notte, nella zona, il termometro aveva sfiorato gli zero gradi. Per settimane vennero effettuate ricerche in tutta la zona con le unità cinofile, ci furono molte segnalazioni ma mai nessun riscontro. Anche molti presunti veggenti contattarono i carabinieri affermando di sapere che cosa fosse accaduto alla donna. Due mesi dopo la scomparsa della moglie, Antonio Logli venne indagato. Gli inquirenti erano convinti che non si trattasse di allontanamento volontario ma che la donna fosse stata assassinata. Il marito era sospettato per una serie di comportamenti giudicati anomali e perché aveva ingenuamente mentito in merito alla relazione che aveva con una donna da otto anni. L’ipotesi degli investigatori era che ci fosse stata una lite dopo che Roberta Ragusa aveva scoperto della relazione del marito. Fu un caso molto seguito dai media: una troupe televisiva si introdusse nella scuola dove studiava la figlia dodicenne di Ragusa e Logli per poterla filmare. Otto mesi dopo il fatto un testimone disse di aver visto quella notte Antonio Logli vicino a casa sua sul ciglio della strada e poco dopo un uomo e una donna litigare: l’uomo aveva poi spinto a forza la donna nell’auto. Non seppe però dire se si trattasse con certezza di Ragusa e Logli. Logli, di cui fu chiesto il rinvio a giudizio, fu prosciolto ma, dopo un ricorso in cassazione presentato dalla procura della repubblica di Pisa, venne condannato a vent’anni di reclusione. La sentenza venne confermata nel processo d’appello e poi dalla Corte di cassazione. Fu un processo indiziario, basato di fatto solo su una testimonianza. E fu un processo anomalo, per omicidio, senza che mai fosse stato trovato il corpo della vittima. Antonio Logli si è sempre dichiarato innocente, i suoi due figli gli hanno sempre creduto e continuano a sostenerlo. Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

You Might Like

Indagini
Indagini
Il Post
Profondo Nero
Profondo Nero
Sky Crime
Crime & Comedy
Crime & Comedy
Marco Champier - Clara Campi
Demoni Urbani
Demoni Urbani
Gli Ascoltabili
Non Aprite Quella Podcast
Non Aprite Quella Podcast
Non Aprite Quella Podcast
Direful Tales
Direful Tales
Direful Tales Crimini&Misteri
True Crime & Mistery
True Crime & Mistery
Lo Strano Canale - True Crime
Tracce
Tracce
Il Messaggero
Bouquet of Madness
Bouquet of Madness
Bouquet of Madness
Fango - Storia di una Alluvione
Fango - Storia di una Alluvione
Marco Cortesi, Mara Moschini & VOIS
Dark Souls - Storie di serial killer
Dark Souls - Storie di serial killer
Massimiliano Jattoni Dall'Asén
Sangue Loro - Il ragazzo mandato a uccidere
Sangue Loro - Il ragazzo mandato a uccidere
Pablo Trincia – Sky Original by Chora Media
Dove nessuno guarda – Il caso Elisa Claps
Dove nessuno guarda – Il caso Elisa Claps
Pablo Trincia – Sky Original by Chora Media