Comodino

Il Post

Un podcast sui libri e tutte le cose che ci stanno attorno. Di Ludovica Lugli e Giulia Pilotti read less
ArtsArts

Episodes

“Le schegge” di Bret Easton Ellis e i libri “dell’anno”
15-12-2023
“Le schegge” di Bret Easton Ellis e i libri “dell’anno”
Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Per l’ultima puntata del 2023 Ludovica Lugli e Giulia Pilotti hanno letto uno dei romanzi di cui si è parlato di più negli ultimi mesi, Le schegge di Bret Easton Ellis (Einaudi), un autore considerato “di culto” e quasi formativo per molti altri scrittori della cosiddetta generazione X. E per chiudere l’anno ricordiamo i libri di cui si è parlato di più, per una ragione o per l’altra, con l'aiuto di Un anno di storie 2023, un annuario su libri ed editoria pubblicato da Treccani, e un thread dello scrittore Vincenzo Latronico. Gli articoli citati più o meno esplicitamente nella rassegna stampa su Le schegge sono: - Il vero romanzo di Bret Easton Ellis di Cristiano de Majo, Rivista Studio -La cultura millennial in una stanza, buttando la chiave, intervista di Giulio Silvano, Review -Chi sono il più bello e la più bella? di Ivan Carozzi, Limina -Bret Easton Ellis, intorno a lui l’angosciosa festa del nulla di Tommaso Pincio, il manifesto -Giurare che una storia è vera è solo un altro modo di mentire di Enrico Monacelli, Il Tascabile -Bret Easton Ellis Is Back to His Regularly Scheduled Programming di Melissa Broder, New York Times -Can Bret Easton Ellis bring back the (fictional) glory days? di Charles Arrowsmith, Los Angeles Times -A triumphant return to form di Sam Byers, Guardian Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices
Un libro sul premio Strega e un altro che lo vinse
15-06-2023
Un libro sul premio Strega e un altro che lo vinse
Il 7 giugno sono stati annunciati i libri finalisti alla 77esima edizione del Premio Strega, che è il premio letterario più importante d’Italia perché è quello che contribuisce di più a far vendere certi libri – non solo quelli che lo vincono, ma anche in parte i finalisti. In questa puntata di Comodino Giulia Pilotti e Ludovica Lugli spiegano come funziona questo premio e perché non è del tutto corretto dire che sia “pilotato” dalle case editrici (soprattutto da qualche edizione a questa parte). E poi parlano di due libri che sono passati dai loro comodini negli ultimi mesi: il saggio Caccia allo Strega di Gianluigi Simonetti (Nottetempo), una critica sociologica ai romanzi vincitori del premio degli ultimi vent’anni, e La grande sera di Giuseppe Pontiggia (Mondadori), che il premio lo vinse nel 1989.Per saperne di più potete leggere il regolamento completo del Premio Strega qui. Sulla rivista culturale Snaporaz invece trovate la recensione di Simonetti a Mi limitavo ad amare te di Rosella Postorino (Feltrinelli), il libro favorito di quest’anno, e un altro articolo di Simonetti su questa edizione del premio, in cui si parla soprattutto di Come d’aria di Ada D’Adamo (Elliot).Lugli e Pilotti hanno citato anche Storia confidenziale dell’editoria italiana di Gian Arturo Ferrari (Marsilio), uno dei libri raccontati nella prima puntata di Comodino.Comodino è un podcast del Post condotto da Ludovica Lugli e Giulia Pilotti, ed esce il 15 di ogni mese. Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices