Roma, 10 luglio 1991 - Seconda parte

Indagini

01-05-2024 • 45 mins

Sono aperte le iscrizioni alle “10 lezioni sui podcast” del Post, dieci incontri online per chi vuole capire meglio come funzionano i podcast, dall’idea alla pubblicazione. Due volte a settimana, in diretta, insieme a Stefano Nazzi, Francesco Costa e altri autori e producer. Ci si può iscrivere fino al 27 maggio. Trovi altre informazioni a questo link o scrivendo a scuola@ilpost.it Il 10 luglio 1991 intorno alle nove del mattino, Alberica Filo della Torre venne assassinata all’interno della sua villa, nel quartiere romano dell’Olgiata. In casa in quel momento c’erano i figli bambini della donna e alcune persone che lavoravano nella villa. Il delitto suscitò un enorme interesse da parte dei media. Alberica Filo della Torre era di origini nobili, l’omicidio era avvenuto all’interno di un complesso, quello dell’Olgiata, considerato esclusivo e abitato da persone estremamente facoltose. I giornali parlarono di delitto «tra i sangue blu». Le indagini appurarono da subito che il marito della donna, Pietro Mattei, aveva un alibi riscontrabile e solido. Nonostante questo le illazioni sulla stampa furono continue e durarono molti anni. Così come furono lunghe e spesso apparirono caotiche le indagini. Ci furono vari sospettati ma senza che ci fosse mai un riscontro concreto. La vicenda, tre anni dopo il delitto, si incrociò con un’altra indagine, quella sul cosiddetto scandalo dei fondi neri del Sisde, il servizio segreto italiano. Ma anche quella pista si rivelò poi inconsistente. Più volte si parlò di archiviazione dell’indagine ma Pietro Mattei, e con lui i suoi figli, si opposero sempre insistendo anzi sul proseguimento e sull'ampliamento dell’indagine che, grazie a nuove tecniche di investigazione scientifica, avrebbero potuto individuare nuovi elementi importanti. La soluzione del caso arrivò però solo 19 anni dopo il delitto. Ed era sempre stata presente tra i reperti acquisiti in fase d’indagine. La registrazione di un’intercettazione telefonica che conteneva elementi fondamentali per l’individuazione del colpevole non era mai stata, inspiegabilmente, ascoltata. E alcune tracce biologiche lasciate sul luogo del delitto erano state prima ignorate e poi analizzate solo superficialmente. Quelle tracce rappresentarono una conferma a ciò che era contenuto nell’intercettazione telefonica. A distanza di anni dal delitto Pietro Mattei e i suoi figli accusarono chi aveva condotto le indagini di macroscopici errori. Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

You Might Like

Indagini
Indagini
Il Post
Profondo Nero
Profondo Nero
Sky Crime
Crime & Comedy
Crime & Comedy
Marco Champier - Clara Campi
Demoni Urbani
Demoni Urbani
Gli Ascoltabili
Direful Tales
Direful Tales
Direful Tales Crimini&Misteri
Non Aprite Quella Podcast
Non Aprite Quella Podcast
Non Aprite Quella Podcast
Fango - Storia di una Alluvione
Fango - Storia di una Alluvione
Marco Cortesi, Mara Moschini & VOIS
Tracce
Tracce
Il Messaggero
True Crime & Mistery
True Crime & Mistery
Lo Strano Canale - True Crime
Bouquet of Madness
Bouquet of Madness
Bouquet of Madness
Casi Umani
Casi Umani
Casi Umani
Dark Souls - Storie di serial killer
Dark Souls - Storie di serial killer
Massimiliano Jattoni Dall'Asén
Sangue Loro - Il ragazzo mandato a uccidere
Sangue Loro - Il ragazzo mandato a uccidere
Pablo Trincia – Sky Original by Chora Media
Dove nessuno guarda – Il caso Elisa Claps
Dove nessuno guarda – Il caso Elisa Claps
Pablo Trincia – Sky Original by Chora Media