S3 AI Roadmaps - by Websolute

Websolute Podcast

Esplora il futuro dell'AI con AI Roadmaps, il podcast di Websolute. Con Claudio Tonti, Head of strategy @Websolute, e Nicola Bonora, AI Designer @Websolute, scopri come l'AI sta rivoluzionando il lavoro. Ogni episodio offre insight su come sfruttare l'AI per aumentare l'efficienza e la produttività. Con contenuti ricchi, interviste esclusive e consigli pratici, AI Roadmaps è il tuo compagno ideale nell'universo dell'AI. Non perdere l'occasione di migliorare le tue competenze e rimanere aggiornato sulle ultime innovazioni. Esplora il futuro con AI Roadmaps e trasforma il tuo modo di lavorare read less
BusinessBusiness

Episodes

S3 - E2 AI 2024 - Le novità e le traiettorie di OpenAI, Google e Microsoft - AI Roadmaps - Podcast
29-05-2024
S3 - E2 AI 2024 - Le novità e le traiettorie di OpenAI, Google e Microsoft - AI Roadmaps - Podcast
In questo episodio di AI Roadmaps - il Podcast di Websolute, parliamo delle novità AI di maggio 2024. Claudio Tonti e Nicola Bonora, ci guidano tra le novità di questo mese dei grandi player: Open AI con Chat GPT 4.0, Google e le nuove funzionalità AI, Microsoft con Copilot Plus PC. L'obiettivo dell'episodio è esplorare le diverse traiettorie che queste aziende stanno percorrendo nell'integrazione dell'AI nel nostro quotidiano. Da OpenAI che sembra voler rendere l'AI un "compagno" sempre più capace ed integrato nella nostra vita, fino a Google che inserisce l'AI in modo quasi invisibile all'interno del suo ecosistema di prodotti. Questo episodio solleva questioni fondamentali sull'impatto dell'AI sulla privacy, sulla responsabilità personale e su come interagiamo con queste tecnologie che stanno rapidamente diventando parte integrante della nostra esistenza. Le riflessioni su come l'AI viene "delegata" per azioni quotidiane rispetto a una interazione più consapevole e diretta, ci spingono a considerare non solo come l'AI sta evolvendo, ma anche come noi evolviamo con essa. Per chi è affascinato dall'intelligenza artificiale e dal suo impatto sulla società, questo episodio offre una prospettiva unica e approfondita, stimolando una riflessione critica sull'evoluzione tecnologica e il suo significato in un contesto più ampio. Un imperdibile appuntamento per capire dove ci sta portando la strada dell'innovazione in AI. Se sei interessato ad approfondire questi argomenti non ti resta altro che seguire il nostro Podcast! Lascia che AI Roadmaps - Podcast ti conduca verso una nuova era di innovazione e successo aziendale grazie all'Intelligenza Artificiale.
S2 - E23 LLMO - Large Language Model Optimization: con Francesca Ondedei
21-06-2023
S2 - E23 LLMO - Large Language Model Optimization: con Francesca Ondedei
Benvenuti a Digital Roadmaps for Ambitious Brands, il podcast dedicato a imprenditori e manager che si chiedono come usare il marketing, l'e-commerce e il digitale in modo strategico per liberare tutto il potenziale del proprio brand nel mondo.  Nella ventitreesima puntata della seconda stagione del nostro podcast Claudio Tonti, Head of Strategy, Products, R&D, e Nicola Bonora, Digital e UX Strategy di Websolute, insieme a Francesca Ondedei, Senior SEO Specialist del Gruppo, hanno discusso e analizzato l'importanza della Large Language Model Optimization e le sue capacità.    L'introduzione dell'intelligenza artificiale e dei modelli di linguaggio ha avuto un impatto significativo sulla ricerca organica, che si riferisce alla reperibilità gratuita di contenuti nel mondo digitale, al di fuori delle inserzioni a pagamento. Questa rivoluzione sta influenzando la quantità e la qualità dei contenuti disponibili.    L'integrazione dell'intelligenza artificiale all'interno delle pagine dei risultati di ricerca (SERP) ha portato a un'enorme esplosione di contenuti. I grandi modelli di linguaggio utilizzano una vasta quantità di parametri e contenuti che possono essere sfruttati anche dagli utenti comuni. Questa integrazione è già in corso, ad esempio con Bing che ha integrato chatbot basati su modelli di linguaggio all'interno delle SERP.     Un aspetto cruciale è la necessità per gli utenti di definire meglio le proprie intenzioni di ricerca e ciò che desiderano ottenere come informazione. Nel corso degli anni, i motori di ricerca hanno semplificato la ricerca, spingendo gli utenti a utilizzare poche parole chiave per ottenere risultati pertinenti. Grazie all'intelligenza artificiale, ora possiamo ottenere immediatamente le informazioni desiderate, utilizzando un linguaggio naturale e comprensibile.    L'introduzione dell'intelligenza artificiale nelle SERP non significa che l'ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) abbia perso importanza. Al contrario, questa evoluzione offre nuove opportunità agli utenti di apprendere, conoscere e scoprire contenuti. Tuttavia, richiede un lavoro più accurato da parte dei professionisti della SEO, che devono adattarsi ai cambiamenti per offrire un'esperienza di ricerca migliore agli utenti.    Oggi non possiamo più limitarci all'ottimizzazione di singole pagine, schede prodotto o URL. È necessario considerare l'ottimizzazione dell'intero contesto del sito web, creando contenuti con una struttura ben definita che sia comprensibile sia per gli utenti che per i motori di ricerca. Dobbiamo utilizzare un linguaggio appropriato che consenta ai motori di ricerca di identificare correttamente le diverse parti del testo, come le descrizioni, le immagini, i nomi, e così via.     Inoltre, i Large Language Model funzionano meglio quando vengono poste domande articolate, complesse e dettagliate. Tuttavia, formulare tali domande richiede pratica e competenza nell'organizzazione e nella descrizione dettagliata di ciò che si desidera sapere.    Nel panorama SEO tradizionale, che continua a evolversi, è fondamentale che i motori di ricerca comprendano i contenuti che offriamo e ci considerino come risultati rilevanti per le ricerche degli utenti. La capacità di comunicare con le macchine e presentare i contenuti in modo efficace rimane un aspetto cruciale.    Non si tratta solo di posizionare una keyword specifica in una determinata pagina o risposta, ma di dimostrare la propria autorità, rilevanza e valore attraverso l'intera presenza digitale.    Infine, vogliamo sottolineare che la regola base della SEO è di iniziare l'ottimizzazione fin dalla fase di progettazione del sito, anziché aspettare dopo la pubblicazione. È fondamentale dedicare tempo all'ottimizzazione sin dall'inizio per garantire una presenza digitale solida e di successo.    Se questa puntata del podcast ti è piaciuta, ti invitiamo a lasciare un commento o a scriverci a podcast@websolute.it.    Ti aspettiamo!
S2 - E22 Gestire le relazioni, con o senza A.I.
14-06-2023
S2 - E22 Gestire le relazioni, con o senza A.I.
Benvenuti a "Digital Roadmaps for Ambitious Brands", un podcast dedicato a imprenditori e manager che vogliono utilizzare il marketing, l'e-commerce e il digitale in modo strategico per massimizzare il potenziale del proprio brand nel mondo. Nella ventiduesima puntata della seconda stagione del nostro podcast "Digital Roadmaps for Ambitious Brands", Claudio Tonti, Head of Strategy, Products, R&D, e Nicola Bonora, Digital e UX Strategy di Websolute, ospitano Carlo Valentini, Marketing Manager di Italia Zendesk, per discutere dell'importanza della gestione delle relazioni e del suo cambiamento con l'intelligenza artificiale. Zendesk rappresenta un prezioso partner strategico per le aziende, poiché è uno strumento che favorisce il mantenimento di solide connessioni con i clienti, i potenziali clienti e gli interlocutori ed è fondamentale per il successo del business. La soddisfazione del cliente è di primaria importanza e nel contesto digitale del 2023 e la gestione efficace delle relazioni è al centro di un'azienda di successo. In questo contesto, Zendesk è considerato una risorsa imprescindibile per gestire sia gli aspetti tecnici che quelli comunicativi. La gestione delle relazioni è sempre stata rilevante per le aziende, anche quando la presenza digitale non era così diffusa, ma oggi è diventata ancora più critica. La relazione tra un'azienda e il cliente influenza l'esperienza complessiva. Attualmente, è molto più facile per i clienti cambiare fornitore o brand. In effetti, il 46% dei consumatori europei è disposto a cambiare azienda dopo la prima cattiva esperienza e questa percentuale sale al 68% se si verificano più di una cattiva esperienza. È quindi fondamentale che le aziende si aprano al dialogo con i clienti e risolvano i problemi invece di ignorarli. Condurre sondaggi sulla soddisfazione dei clienti senza agire sui risultati equivale a nascondere la polvere sotto il tappeto. Un esempio tangibile di come il digitale abbia migliorato l'esperienza del cliente è la digitalizzazione dei servizi pubblici grazie all'introduzione dello SPID. Ora è possibile vivere un'esperienza più avanzata con l'amministrazione pubblica rispetto al passato, quando ci si abitua a un certo livello di esperienza in un settore, non si accetterà più un livello inferiore, neanche in altri settori. Le persone desiderano comunicare direttamente con il marchio, infatti l'azienda deve incarnarlo e mantenere una comunicazione coerente in termini di linguaggio, approccio e informazioni fornite. Per quanto riguarda i canali di comunicazione, l'azienda dovrebbe essere in grado di continuare la conversazione sul canale scelto dal cliente. Piattaforme come Zendesk consentono di centralizzare le richieste provenienti da diversi canali e di gestire le comunicazioni in modo efficiente. Tuttavia, è importante sottolineare che una buona customer experience dipende non solo dalla piattaforma utilizzata, ma anche da una solida base culturale e organizzativa all'interno dell'azienda. La piattaforma è uno strumento di supporto alla gestione delle relazioni con i clienti, ma è la strategia, la cultura e l'approccio aziendale a determinare il successo complessivo nell'offrire un'esperienza di alto livello. Strumenti come Zendesk e l'intelligenza artificiale possono essere estremamente utili anche nel contesto delle vendite complesse. Zendesk può aiutare i venditori a gestire in modo efficace le interazioni con i clienti, fornendo informazioni, suggerimenti e risposte alle domande specifiche dei clienti. Inoltre, il customer service rappresenta un'opportunità per generare entrate aggiuntive attraverso cross-selling e upselling. Il team di customer service può individuare queste opportunità e quando è in grado di proporre in modo coerente suggerimenti di vendita, si possono ottenere risultati significativi. Se la puntata ti è piaciuta, lasciaci un commento o scrivici a podcast@websolute.it. Ti aspettiamo!
S2 - E21 La fine della fotografia (come la conosciamo)
07-06-2023
S2 - E21 La fine della fotografia (come la conosciamo)
Benvenuti a Digital Roadmaps for Ambitious Brands, il podcast dedicato a imprenditori e manager che si chiedono come usare il marketing, l'e-commerce e il digitale in modo strategico per liberare tutto il potenziale del proprio brand nel mondo.     Nella ventunesima puntata della seconda stagione del nostro podcast "Digital Roadmaps for Ambitious Brands", Claudio Tonti, Head of Strategy, Products, R&D e Nicola Bonora, Digital e UX Strategy di Websolute, dibattono sull'impatto delle tecnologie generative basate sull'intelligenza artificiale nella fotografia.     Durante la storia dei media, abbiamo assistito all'emergere di nuove ere che hanno sostituito ciò che è venuto prima. Ad esempio, si pensava che la fotografia avrebbe reso obsoleta la pittura verista, ma col tempo si è capito che le due forme d'arte possono coesistere.      Oggi, con l'avvento delle tecnologie generative basate sull'intelligenza artificiale, la fotografia tradizionale è nuovamente messa in discussione, ma è fondamentale analizzare questa trasformazione nel dettaglio.     Ogni evoluzione tecnologica ha portato vantaggi come costi inferiori, maggiore quantità e velocità di esecuzione. Ad esempio, la fotografia digitale ha consentito di visualizzare immediatamente i risultati degli scatti e di maneggiare le immagini in modo rapido e flessibile, aumentando l'efficienza operativa nel settore.     Oggi ci troviamo di fronte a un'altra rivoluzione, potenzialmente di portata ancora maggiore.      L'intelligenza artificiale generativa “Midjourney”, sta rivoluzionando il settore fotografico. Nonostante sia ancora una realtà giovane, Midjourney ha già avuto un impatto significativo.     Viviamo in un'epoca in cui l'intelligenza artificiale può generare immagini realistiche basate su prompt verbali. Questa capacità di immaginare scenari ci permette di ottenere fotografie virtuali perfette. È sorprendente come un'immagine generata da Midjourney, come il famoso ritratto di Monna Lisa che interagisce con Leonardo, possa sembrare così reale. Tuttavia, l'immagine generata richiede la stessa creatività e abilità di visualizzazione di una scena come farebbe un fotografo tradizionale.     Con Midjourney, ciò che serve è un'idea o un concetto che vogliamo visualizzare, e poi l'intelligenza artificiale si occupa di creare un'immagine realistica basata su quella visione. È possibile fare riferimento a stili artistici come Picasso, o manga giapponesi, poiché la piattaforma ha familiarità con tutti questi stili grazie al vasto repertorio di immagini che ha assimilato. Questo permette di generare immagini che seguono uno stile specifico, come se fossero state scattate con una determinata macchina fotografica o dipinte in uno stile particolare     Tuttavia, è importante considerare anche le possibili implicazioni di questa tecnologia. La facilità con cui l'intelligenza artificiale può generare immagini realistiche potrebbe portare a problemi di autenticità.      Questi strumenti possono essere un valido supporto al business, possono generare valore, aumentare l'efficienza e migliorare la qualità. Quindi non possiamo esimerci dallo studiarli, testarli, utilizzarli e introdurli in tutti quei casi in cui producono più valore di quello che consumano, che alla fine è una regola molto semplice: se qualcosa viene fatto meglio, costa meno ed è più veloce, perché continuare a fare le cose come prima? Non c'è motivo.     Magari continueremo a fare fotografie digitali oppure con la pellicola perché ci piace, così come può piacere ascoltare un disco in vinile per le sue imperfezioni. L'intelligenza artificiale, di per sé, non distrugge le caratteristiche di quelle cose, ma aggiunge un elemento che diventerà predominante in determinati contesti, come nel caso del business.     Se questa puntata ti è piaciuta, lasciaci un commento o scrivici a podcast@websolute.it.   Ti aspettiamo!
S2 - E20 A.I everything?
31-05-2023
S2 - E20 A.I everything?
Benvenuti a "Digital Roadmaps for Ambitious Brands", un podcast dedicato a imprenditori e manager che vogliono utilizzare il marketing, l'e-commerce e il digitale in modo strategico per massimizzare il potenziale del proprio brand nel mondo. Nella ventesima puntata della seconda stagione del nostro podcast "Digital Roadmaps for Ambitious Brands", Claudio Tonti, Head of Strategy, Products, R&D e Nicola Bonora, Digital e UX Strategy di Websolute, ospitano Andrea Ciulu, Head of AI di Arkage e Pasquale Boriello, CEO di Arkage, insieme cercano comprendere se l’AI è veramente everything oppure no. Durante l'episodio, si è discusso dell'impatto dell'intelligenza artificiale (AI) su tutti gli aspetti della vita e della sua potenziale autonomia. Sebbene sembri probabile che l'AI si diffonda in molti settori, non è ancora chiaro fino a che punto potrà arrivare. È importante essere cauti nel dichiarare che l'AI possa coprire completamente l'intera attività umana; solo il tempo ci dirà se ciò sarà possibile. La velocità di sviluppo dell'AI è una differenza principale rispetto al passato, e gli esperti stanno ancora cercando di comprenderne appieno l'entità. La velocità di adozione è un fattore cruciale, come dimostrato dal fatto che Instagram ha impiegato due anni per raggiungere 100 milioni di utenti, mentre ChatGPT ci è riuscito in soli due mesi. Gli esperti affermano che è difficile stabilire con precisione quanto siano intelligenti questi sistemi, poiché superano tutti i test. Alcuni esperti ritengono che esista una possibilità del 10% che l'AI possa avere un impatto negativo sulla specie umana. La preoccupazione principale riguarda la natura intrinseca di questi modelli, che non si stancano mai nel perseguire gli obiettivi loro assegnati. L'aspetto fenomenale dell'AI è che rappresenta una rivoluzione che parte dal basso, con un'adozione intuitiva che non richiede spiegazioni. Le persone iniziano a sperimentare questa tecnologia con un investimento non troppo elevato e, attraverso la sperimentazione, scoprono nuove possibilità. Dal punto di vista umano e sociale, l'AI rappresenta un amplificatore delle capacità cognitive, come il pensiero e la creatività. Questo potrebbe portare a un futuro in cui ogni individuo avrà assistenti intelligenti per aiutarlo in ogni attività. Dal punto di vista dell'industria, ogni azienda potrebbe avere un esercito di collaboratori in grado di svolgere una vasta gamma di compiti. Tuttavia, ci sono implicazioni da considerare. Cosa succederà alla struttura economica della società se le aziende adottano in massa l'AI per aumentare l'efficienza e ridurre i costi? Ci potrebbe essere un impatto significativo sul lavoro umano e sulla distribuzione delle risorse. Alcune aziende hanno già moltiplicato la produttività grazie all'IA, come dimostrato dalle grandi aziende tecnologiche come Amazon e Apple. Ci saranno disparità, poiché alcune aziende sperimenteranno un aumento della produttività grazie all'IA, mentre altre potrebbero non adottarla e sembreranno appartenere a mondi diversi. Le macchine, tramite il linguaggio di programmazione, possono essere istruite a eseguire una serie di azioni, ma rimane ancora incerto ciò che realmente producono. L'empatia rappresenta un'abilità umana fondamentale, che l'intelligenza artificiale (AI) attualmente non possiede né comprende appieno. Tuttavia, in un contesto di autoapprendimento come il reinforced learning, l'AI potrebbe sviluppare velocemente un sentimento di amore se viene stimolata positivamente e rinforza la sua capacità di provare empatia verso qualcuno. È imprescindibile comunicare i vantaggi e gli obiettivi di queste tecnologie a coloro che non sono familiari con il tema. Questo impegno richiede tempo e dedizione, ma è di vitale importanza per il progresso dell'industria e della società nel loro complesso. Se ti è piaciuta questa puntata, lasciaci un commento o scrivici a podcast@websolute.it. Ti aspettiamo!
S2 - E19 Conquistare il mercato: come ricucire le vendite Offline e Online
24-05-2023
S2 - E19 Conquistare il mercato: come ricucire le vendite Offline e Online
Benvenuti a Digital Roadmaps for Ambitious Brands, il podcast dedicato a imprenditori e manager che si chiedono come usare il marketing, l'e-commerce e il digitale in modo strategico per liberare tutto il potenziale del proprio brand nel mondo.   Nella diciannovesima puntata della seconda stagione del nostro podcast "Digital Roadmaps for Ambitious Brands", Claudio Tonti, Head of Strategy, Products, R&D e Nicola Bonora, Digital e UX Strategy di Websolute, cercano di rispondere alla domanda: è possibile ricucire le vendite offline e online?     Siamo consapevoli dell'importanza di instaurare relazioni significative con i nostri clienti poichè ci consentono di perseguire diversi obiettivi.   In primo luogo, mantenere una comunicazione costante e persuadere i nostri clienti ad acquistare nuovi prodotti nel tempo, senza dover investire ingenti risorse in campagne pubblicitarie anonime. Questo è possibile grazie alla conoscenza approfondita che abbiamo già del cliente, poiché ha già effettuato un acquisto presso di noi.   In secondo luogo, è importante interagire con i clienti, chiedendo loro recensioni sui prodotti o servizi che hanno acquistato. Le informazioni che possiamo ottenere da queste operazioni sono di valore inestimabile: ci aiutano a perfezionare le offerte di prodotti, servizi e distribuzione.   Queste relazioni ci permettono di ottenere dati di prima parte, ossia dati specifici che possediamo e che possiamo utilizzare attraverso diverse piattaforme, consentendoci di individuare utenti simili a quelli che hanno già effettuato un acquisto presso il nostro shop.   Nel 2023, non possiamo più permetterci di non conoscere i nomi dei nostri clienti finali o di non coinvolgerli nel nostro brand. Non possiamo non sapere chi sono, o almeno una parte di loro. Non possiamo non avere una strategia o un progetto in corso. Non abbiamo una soluzione definitiva, ma è necessario avere in mente almeno un percorso che ci porti in questa direzione.   Tra le ragioni che abbiamo menzionato in precedenza:    1) Continuare a comunicare con coloro che già riconoscono il nostro marchio e che abbiamo faticosamente conquistato attraverso tutti gli investimenti di marketing che abbiamo effettuato. Non possiamo più ignorare l'importanza di ripagare la loro attenzione.  2) Avere la possibilità di raccogliere informazioni chiedendo loro feedback e opinioni. Questi insights sono di valore inestimabile.   3) Ottenere dati di prima parte per migliorare notevolmente le nostre performance pubblicitarie. Utilizzando questi dati, possiamo superare le limitazioni delle piattaforme online che ci consentono solo di raggiungere utenti generici simili a quelli che abbiamo già.     La capacità di segmentare il pubblico e utilizzare dati di prima parte ci offre opportunità senza precedenti nel panorama del marketing digitale. È tempo di abbracciare questa direzione e sfruttare appieno le potenzialità che essa ci offre.     Se la puntata ti è piaciuta, lasciaci un commento oppure scrivici a podcast@websolute.it.     Ti aspettiamo!
S2 - E18 Cos’è un sito nell’era GPT?
17-05-2023
S2 - E18 Cos’è un sito nell’era GPT?
Benvenuti a Digital Roadmaps for Ambitious Brands, il Podcast dedicato a imprenditori e manager che vogliono sfruttare strategicamente il marketing, l'e-commerce e il digitale per massimizzare il potenziale del proprio brand nel mondo. Nella diciottesima puntata della seconda stagione di "Digital Roadmaps for Ambitious Brands", Claudio Tonti, Head of Strategy, Products, R&D, e Nicola Bonora, Digital e UX Strategy di Websolute, esplorano i progressi che l'intelligenza artificiale sta portando ai siti web. La domanda "Cos'è un sito web?" diventa cruciale e di fondamentale importanza. È essenziale comprendere come i siti vengono generati e quale approccio adottare per sfruttare appieno le nuove tecnologie disponibili. L'intelligenza artificiale può essere impiegata in molteplici contesti per migliorare l'interazione con i visitatori, ad esempio, fornendo supporto ai clienti o rispondendo alle domande dei potenziali clienti. Le nuove tecnologie consentono di addestrare parti del servizio clienti autonomamente grazie all'apprendimento automatico, migliorando la comprensione del contesto e creando un tono di conversazione naturale. Piattaforme come Zendesk stanno già integrando questa funzionalità nei loro sistemi, offrendo un'esperienza di supporto clienti pertinente ed empatica. Tuttavia, non è possibile pensare che il resto del sito possa rimanere immutato. Le nuove tecnologie stanno cambiando le aspettative degli utenti, che ora desiderano risposte rapide e precise. È quindi fondamentale considerare come i siti web debbano evolversi per soddisfare tali aspettative. La progettazione dell'interfaccia di un sito web deve tener conto della semplicità d'uso per l'utente. La maggior parte delle persone preferisce fare clic su un pulsante anziché digitare una richiesta in una casella di testo. Tuttavia, ci sono situazioni in cui la ricerca tramite filtri o l'uso del linguaggio naturale può risultare più efficace nel trovare ciò che si sta cercando. Le intelligenze artificiali come GPT possono aiutare nella creazione di un'interfaccia personalizzata capace di comprendere le esigenze dell'utente e offrire una selezione di prodotti o informazioni di qualità. L'obiettivo è fornire rapidamente una piccola quantità di risultati rilevanti per l'utente. È importante offrire all'utente la possibilità sia di fare clic su un pulsante sia di formulare una richiesta verbale o scritta per una ricerca più specifica. In questo modo, si può creare un'interfaccia che fornisca una selezione di prodotti, informazioni e domande pertinenti, inclusa l'assistenza di consulenza personalizzata. L'utilizzo di un'interfaccia conversazionale per fornire informazioni sui prodotti e migliorare l'esperienza d'acquisto diventa sempre più importante. È cruciale consentire all'utente di eseguire le tre azioni principali: fare clic, porre domande e ottenere risposte, in modo naturale su qualsiasi canale, al fine di rendere l'interazione più fluida. Le aziende dovranno adottare coraggiosamente questi nuovi modelli di interfacce, nonostante la dipendenza dal contesto e il rischio di hackeraggi e manipolazioni. Se la puntata ti è piaciuta, lasciaci un commento oppure scrivici a podcast@websolute.it. Ti aspettiamo!
S2 - E17 La realtà aumentata nel settore turistico e culturale
10-05-2023
S2 - E17 La realtà aumentata nel settore turistico e culturale
Benvenuti a Digital Roadmaps for Ambitious Brands, il Podcast dedicato a imprenditori e manager che si chiedono come usare il marketing, l'e-commerce e il digitale in modo strategico per liberare tutto il potenziale del proprio brand nel mondo.   Nella diciassettesima puntata della seconda stagione del nostro podcast "Digital Roadmaps for Ambitious Brands", Claudio Tonti, Head of Strategy, Products, R&D e Nicola Bonora, Digital e UX Strategy di Websolute, parlano della rivoluzione che la realtà aumentata sta portando nel settore turistico e culturale.  L'esperienza turistica tradizionale sta subendo una rivoluzione grazie alla realtà aumentata. Questa tecnologia permette di aggiungere strati digitali al mondo fisico, consentendo ai visitatori di approfondire le loro conoscenze e ottenere informazioni dettagliate sui luoghi che visitano. Ad esempio, è possibile ricostruire il Colosseo come appariva 2000 anni fa.  Tuttavia, la realtà aumentata non può sostituire completamente l'esperienza fisica, ma può offrire un valore aggiunto se supportata da contenuti di alta qualità.   Oggi dobbiamo dare un significato diverso alla parola "aumentata", poiché la tecnologia si è evoluta e i modelli di linguaggio come ChatGPT ci consentono di conversare con intelligenze artificiali a un livello sofisticato e complesso. Ciò fa pensare che esistano nuovi scenari abilitati dalla tecnologia che fino a ieri non potevamo neppure immaginare. Ad esempio, visitare un luogo con una guida che utilizza la realtà aumentata è un'esperienza più completa rispetto all'utilizzo di una semplice audioguida.  Il concetto di self-service sta lasciando il posto a quello di servizio assistito, dove qualcuno mi guida e adatta l'esperienza alle mie preferenze e ai miei feedback. Questo era più difficile da realizzare in passato, ma oggi è possibile creare un amico digitale che sia al servizio di tutti. Ciò apre molte opportunità in diversi settori, come il turismo, dove la realtà aumentata può essere utilizzata come supporto per un'esperienza culturale e turistica più coinvolgente.  Il concetto di turismo esperienziale sta diventando sempre più importante. È fondamentale che i diversi aspetti dell'esperienza si completino a vicenda invece di competere. La realtà aumentata può integrare la parte esperienziale, ma deve essere vista come una compensazione, non una sostituzione. Il digitale dovrebbe essere visto come un compagno che ti sta accanto e ti aiuta a vivere un'esperienza personalizzata.  Oggi, ciò che si cerca è integrare i contenuti tradizionali con quelli digitali in modo da creare un'esperienza più coinvolgente.   Si tratta di migliorare la qualità dell'esperienza. In questo nuovo concetto di realtà aumentata, non si tratta solo di aggiungere contenuti digitali al mondo fisico, ma di avere un dialogo con un'entità esperta del luogo o dell'arte, in grado di comprendere il livello culturale, di interesse e linguistico dell'utente.   L'uso di immagini e 3D può arricchire la conversazione e rendere l'esperienza più completa anche a livello emotivo.  L'obiettivo è quello di rendere l'esperienza il più efficiente e gratificante possibile, utilizzando la conoscenza specifica che il modello ha già incorporato. Inoltre, è possibile aggiungere alla tecnologia anche una personalità per rendere l'esperienza ancora più coinvolgente.  Tuttavia, le storie continuano ad avere un ruolo fondamentale nell'identità e nella relazione delle persone con i luoghi e le aziende. L'intelligenza artificiale diventa sempre più centrale e può cambiare completamente l'approccio al digitale e al business, ma è importante allenarla nella giusta direzione per cogliere le opportunità e risolvere i problemi.   Nelle prossime puntate vedremo come l'intelligenza artificiale può trasformare il marketing e gli obiettivi del business.  Se la puntata ti è piaciuta, lasciaci un commento oppure scrivici a podcast@websolute.it.  Ti aspettiamo!
S2 - E16 Il Salone del Mobile e il Digitale
27-04-2023
S2 - E16 Il Salone del Mobile e il Digitale
Benvenuti a Digital Roadmaps for Ambitious Brands, il Podcast dedicato a imprenditori e manager che si chiedono come usare il marketing, l'e-commerce e il digitale in modo strategico per liberare tutto il potenziale del proprio brand nel mondo. Nella sedicesima puntata della seconda stagione del nostro podcast "Digital Roadmaps for Ambitious Brands", Claudio Tonti, Head of Strategy, Products, R&D e Nicola Bonora, Digital e UX Strategy di Websolute, parlano dell’evento appena concluso del Salone del Mobile e delle innovazioni digitali adottate dalle aziende presenti. Questa è la seconda edizione del salone post pandemia, e dopo due anni ci si chiede cosa sia rimasto e cosa sia cambiato all'interno delle aziende, dopo la chiusura forzata e le difficoltà del periodo passato. Claudio, che ha partecipato alla fiera, ammette di non aver notato grandi cambiamenti sul fronte della permeabilità digitale. Nonostante gli investimenti incredibili in questa direzione, sembra che l'uso del digitale nell'evento sia stato ancora limitato. I partecipanti sembrano aver ritrovato la gioia del contatto fisico e delle relazioni interpersonali, senza aver fatto grandi innovazioni sul fronte digitale. Alcune aziende hanno fatto investimenti importanti che hanno impattato i loro budget marketing per mesi, ma apparentemente senza grandi risultati operativi. Il racconto social media del Salone è migliorato molto in termini di qualità e quantità. Si è sviluppato uno storytelling sui social media degli stand, dei marchi e degli eventi del fuorisalone, che è stato molto utile per chi non ha potuto partecipare di persona. Tuttavia, non tutte le aziende hanno sfruttato al massimo questo potenziale, creando una mancanza di continuità nella narrazione e nella presenza digitale. Il Salone del Mobile è il nostro palco scenico naturale, che può diventare un luogo in cui accadono e si creano contenuti specifici. La maggior parte delle aziende si limita a far passare i visitatori da uno stand all'altro senza chiedere alcunché, mentre solo una piccola percentuale fa una registrazione ad hoc, profilando un QR code all'ingresso e rispettando correttamente il GDPR. È fondamentale creare una storia e dare un senso alla presenza del marchio a questa esposizione. Purtroppo, da quello che emerge da chi ha partecipato all’evento, come racconta Claudio, lui stesso non ha ricevuto alcune comunicazioni da parte delle aziende e durante i giorni del salone, ad eccezione di una comunicazione generica e non personalizzata. L’attenzione al follow-up sembra sia limitata e che usino il digitale in modo tradizionale, senza sfruttarne il potenziale. È possibile che questo dipenda dalla mancanza di energia e di budget, ma anche da una carenza culturale nell'adozione di strumenti come CRM e profilazione dei contenuti. Con il digitale, possiamo essere presenti, raccontare storie e sapere l’opinione degli addetti al settore che partecipano. L'ascolto dell'opinione è l'atto più grande di considerazione, in quanto dimostriamo di interessarci veramente dell’opinione sulla marca. La mancanza di follow-up può essere vista come un'opportunità per migliorare e creare nuove strategie, osservando i trend del settore e lavorando per acquisire nuovi contatti e lead. Se la puntata ti è piaciuta, lasciaci un commento oppure scrivici a podcast@websolute.it. Ti aspettiamo!
S2 - E15 La sostenibilità fa vendere?
19-04-2023
S2 - E15 La sostenibilità fa vendere?
Benvenuti a Digital Roadmaps for Ambitious Brands, il podcast dedicato a imprenditori e manager che si chiedono come usare il marketing, l'e-commerce e il digitale in modo strategico per liberare tutto il potenziale del proprio brand nel mondo. Nella quindicesima puntata della seconda stagione del nostro podcast "Digital Roadmaps for Ambitious Brands", Claudio Tonti, Head of Strategy, Products, R&D e Nicola Bonora, Digital e UX Strategy di Websolute, hanno risposto alla domanda: la sostenibilità fa vendere? La sostenibilità non è semplicemente un requisito d'accesso al mercato: è un aspetto fondamentale dell'essere un'azienda responsabile e consapevole del proprio impatto sociale, ambientale ed economico. Se parliamo di sostenibilità come tema di comunicazione, è importante personalizzare il messaggio in base al touchpoint e al target di riferimento. Non ha senso comunicare allo stesso modo su tutti i canali e a tutti i potenziali clienti. Bisogna anche considerare che la sostenibilità non è un argomento che interessa tutti; Occorre quindi capire a chi rivolgersi e come comunicare in modo efficace per quel pubblico specifico. La comunicazione deve essere mirata e personalizzata per raggiungere i segmenti di mercato giusti. Esistono due modalità: -Il funnel digitale classico prevede di costruire un percorso di accesso per una campagna pubblicitaria al fine di attirare i potenziali clienti verso un sito, una landing page o un contenuto sociale, cercando di mettere in evidenza gli argomenti giusti per tutti. È possibile tracciare le persone che reagiscono positivamente ad esso, ma è necessario affinare continuamente il proprio target e il proprio approccio per creare un funnel efficace. -È possibile effettuare anche una ricerca a monte utilizzando le risorse dell'azienda come il database di mail marketing e il traffico del sito, è necessario utilizzare algoritmi di intelligenza artificiale di machine learning per analizzare i dati e trovare correlazioni non visibili a occhio nudo. La sostenibilità è un valore importante che fa vendere se si utilizza il giusto strumento per raggiungere la persona giusta. La sostenibilità non è solo sostenibile per il pianeta ma anche per l'azienda se viene utilizzata come leva di marketing, anche per motivare gli investimenti futuri. Quindi, la sostenibilità fa vendere? Assolutamente sì, se ho un metodo per dire la cosa giusta alla persona giusta. Se la puntata ti è piaciuta, lasciaci un commento oppure scrivici a podcast@websolute.it.
S2 - E14 TikTok: l'elefante nella stanza
12-04-2023
S2 - E14 TikTok: l'elefante nella stanza
Benvenuti a Digital Roadmaps for Ambitious Brands, il podcast dedicato a imprenditori e manager che si chiedono come usare il marketing, l'e-commerce e il digitale in modo strategico per liberare tutto il potenziale del proprio brand nel mondo. Nella quattordicesima puntata della seconda stagione del nostro podcast "Digital Roadmaps for Ambitious Brands", Claudio Tonti, Head of Strategy, Products, R&D e Nicola Bonora, Digital e UX Strategy di Websolute, discutono della piattaforma di TikTok partendo da uno sguardo generale e dal confronto con le altre piattaforme social, fino ad arrivare al Project Texas americano. TikTok è una piattaforma che ha rivoluzionato il modo di comunicare e promuovere i contenuti, fornendo contributi interessanti e sofisticati in maniera customizzata per ogni utente. La piattaforma sa individuare cosa piace a ciascun utente e creare un palinsesto interessante per loro. Inoltre, TikTok è in grado di trattenere l'utente per molto tempo grazie al suo algoritmo e può essere considerato come il sostituto moderno della televisione. Tuttavia, TikTok non dovrebbe essere visto come un mostro tecnologico, ma piuttosto come uno strumento che offre contenuti di valore, contribuendo a creare trend letterari e culturali importanti, come il booktok che ha portato a vendite molto importanti di libri, grazie a recensioni fatte con #booktok. Per le aziende, TikTok rappresenta un'opportunità per la promozione dei propri prodotti e la distribuzione dei contenuti. Inoltre, è una fonte importante di informazioni su ciò che accade nel mondo. TikTok è un esempio di come i nuovi media possono influenzare la società in modo profondo e vario. Tuttavia, la piattaforma ha sollevato preoccupazioni riguardo alle questioni di copyright e alla condizionabilità dell'algoritmo da parte di un governo non democratico. Infatti, ByteDance, la proprietaria di TikTok, è una società cinese. Nella conversazione tra gli host si parla dell’intervento al Congresso americano del CEO di TikTok, in cui si sono affrontati vari temi riguardanti la piattaforma, compresa la questione dei dati in possesso della società e del governo cinese. Vengono individuati tre principali pericoli associati all'utilizzo dell'app TikTok, che raccoglie grandi quantità di dati sulle persone e utilizza algoritmi per influenzare il comportamento degli utenti. 1) L'accesso dei governi ai dati degli utenti 2) L'influenza dell'algoritmo sui contenuti e su ciò che le persone pensano 3) La possibilità di nascondere virus o malware all'interno dell'app che possono danneggiare gli utenti Per questo nasce il Project Texas, non ancora completato, del governo degli Stati Uniti avviato da Trump per portare i dati di TikTok sui server americani e proteggerli. Continua a seguirci perché nelle prossime puntate del nostro podcast, saranno approfonditi ulteriori aspetti riguardanti l'uso della piattaforma di TikTok. Se la puntata ti è piaciuta, lasciaci un commento oppure scrivici a podcast@websolute.it. Ti aspettiamo!