Incipit di libri

Due Minuti Un Libro

Gli incipit di Due Minuti Un Libro. Il piacere della lettura ad alta voce. Che sia un thriller, un romanzo, un manuale, un libro per bambini o ragazzi, di poesie, un distopico, un autobiografico, uno spirituale a noi piace leggerli. Buon ascolto! read less
ArtsArts

Episodes

40 anni in Regione
15-10-2023
40 anni in Regione
Il giovane Bruno, il protagonista di 40 anni in Regione di Umberto Dodero, è ambizioso, impavido e intraprendente. Muove i primi passi nel mondo del lavoro tentando di farsi strada e conquistare una posizione soddisfacente, ma soprattutto entrare a far parte dell’organico di un’Amministrazione Pubblica, in particolare della Regione Sardegna, è la sua grande aspirazione. Giunge così il momento tanto agognato, il premio per la sua costanza. Ma ben presto si accorge che intorno a sé nulla è così roseo; se in un primo momento vagheggiava l’idea di un luogo in cui poter conoscere delle persone e con loro affrontare un lungo percorso lavorativo, ora si rende conto che è possibile fino ad un certo punto: imbrogli, raggiri e voltafaccia, esseri ignavi che circolano tra i corridoi interminabili dell’immenso edificio e come guitti impersonano la loro triste esistenza mettendo in scena le loro miserie umane; questo è lo scenario che gli si profila all’orizzonte. Ma Bruno è un ragazzo che non si lascia spaventare, tenacemente lotta per i suoi diritti, attirandosi molte antipatie ma anche intessendo rapporti costruttivi. Quarant’anni vissuti all’interno di quell’enorme calderone fanno sì che lui ne conosca ogni angolo, ma fondamentalmente subdora l’intrigo perché nulla più lo incanta. Nonostante il suo percorso lavorativo sia stato molto movimentato, ha saputo trarre dalla sua esperienza un enorme rispetto per il lavoro e per la sua terra. 40 anni in Regione, di Umberto Dodero, Europa Edizioni Due Minuti Un Libro --- Send in a voice message: https://podcasters.spotify.com/pod/show/dueminutiunlibro/message
Leggere di pedagogia tra handicap e specialità
11-10-2023
Leggere di pedagogia tra handicap e specialità
La pedagogia, quale scienza di diversificati approcci educativi, così come la pedagogia speciale, quale branca a sé della dimensione prioritariamente socio-affettiva, al di là dell’area cognitiva a cui prevalentemente si rivolge, è plasmata dalla natura invasiva e pervasiva del media, attraverso il quale la scuola di oggi, ciascun docente, tenta di tenere un ritmo sempre più incalzante per ri-adattare e ri-adattarsi a una cultura, quella dei giovani, che percorre e precorre strade e bivi non sempre in linea con la “segnaletica” che la scuola stessa vorrebbe loro imporre, spesso negando la presenza dell’oltre… In questo costante mutamento e accelerazione propria di una società sempre più digitale, sempre più nella direzione dell’intelligenza artificiale, scuola e famiglie giocano una sfida quotidiana per comprendere detti mutamenti, per comprendere Bisogni Educativi Speciali che appartengono all’intera comunità educante ed educabile, in un processo di continua ricerca e rinnovamento della sua essenza. Riferendosi a J.S. Bruner, l’autore individua e porta avanti l’obiettivo bruneriano «di adattare una cultura alle esigenze dei suoi membri e di adattare i suoi membri ed i loro modi di conoscere alle esigenze della cultura». Lo studioso, già nella prima parte della sua ricerca, trova nel pensiero di Sigmund Freud la giustificazione della sua particolare scelta, anche lessicale, di definire “a rischio” una certa “genitorialità”; Freud, infatti, asserisce, ci ricorda l’autore, che «i mestieri più difficili sono nell’ordine il genitore, l’insegnante e lo psicologo». Un dialogo interdisciplinare quello che lo studioso fa emergere nel rapporto tra pedagogia speciale e necessità di educare con le sue molteplici e differenti prospettive, ponendo sullo sfondo di ogni valutazione e analisi dei bisogni i processi integrativi e inclusivi (bio-psico-sociali) ricordandoci come la pedagogia appartiene a spazi plurimi e indefiniti che non possono essere relegati in spazi, sì, importanti, come la famiglia, la scuola e territori circoscritti, ma estesi a tutti quei luoghi appartenenti alla presenza umana. L’autore sottolinea che le criticità non possono essere considerate «quelle per così dire istituzionalizzate, bensì quelle legate, forse all’inadeguatezza dell’osservatore […] di trattare le specialità o, meglio, le speciabilità». Dimostrando come la specialità rappresenti per la scienza dell’educazione timone ed energia fondante capace di prometeizzare su molte di quelle quotidiane questioni educative di nutrito interesse. Leggere di pedagogia tra handicap e specialità. Per una scuola in cerca di mediazione e di medialità. Di Francesco Augello, Edizioni La Bussola Due Minuti Un Libro --- Send in a voice message: https://podcasters.spotify.com/pod/show/dueminutiunlibro/message
Triangolo - Per chi saremmo disposti a fare qualsiasi cosa?
28-09-2023
Triangolo - Per chi saremmo disposti a fare qualsiasi cosa?
Una sera come tante, una birra con gli amici e il rientro a casa. E lì ad aspettarti qualcuno che non dovrebbe esserci. Il tentativo di consegnarlo alle forze dell’ordine scatena un’aggressione e tu non hai altra scelta che difenderti, fino alle estreme conseguenze. Nel tempo di un respiro, la vittima diventa il carnefice e mette fine alla vita dell’intruso. Questa è la storia di Emilio Bortot, un piccolo uomo schiavo delle sue debolezze ma potrebbe essere quella di ognuno di noi. Tutto è a posto dunque, la legge è stata rispettata e giustizia è fatta? Forse no. Perché se è chiaro il motivo che ha spinto Emilio a difendersi, le ragioni che hanno condotto l’aggressore fino a lui sembrano sfuggire alle casistiche ordinarie. Niente di prezioso da prendergli, nessun apparente legame che li unisce. Questa insolita eventualità e l’incerta testimonianza di un vicino, confondono i termini di un problema che sembrava già risolto e ad insospettirsi sono in due, un investigatore e un ispettore di polizia. Leo Rodgher e Guido Sterle, due menti brillanti e avverse, che si scontrano, si inseguono, ognuno dei due convinto che l’altro si stia sbagliando. E almeno uno dei due che si pone l’unica domanda giusta da farsi: per chi saremmo disposti a fare qualsiasi cosa? Triangolo di Daniele Gonella, Youcanprint Due Minuti Un Libro --- Send in a voice message: https://podcasters.spotify.com/pod/show/dueminutiunlibro/message
L’incantatrice di numeri
23-05-2023
L’incantatrice di numeri
Mia è un’aspirante giornalista che svolge il suo praticantato realizzando servizi sull’acuirsi della prostituzione, con la crisi occupazionale del Paese che riversa oltre la frontiera svizzera le italiane, e le strade dello stivale che “luccicano” di più dopo i frequenti sbarchi irregolari. Ma la prostituzione, a dispetto di ogni generalizzazione, non è un discorso né semplice né scontato, e la protagonista che vuole andare a fondo partendo dallo slang del sesso in vendita su Internet (e fuori). Tra offerenti di sesso nuove sul mercato più vecchio al mondo, cifre di denaro espresse in cioccolatini al latte e rose cospicue, Mia realizza una sorta di vocabolario della prostituzione significativo dei tempi tecnologicamente sviluppati e moralmente arretrati che viviamo. I tempi bui dettati pure da tutta l’ipocrisia di un Paese che, negando un discorso in merito alla regolamentazione del “lavoro” sessuale accomune storie diverse perché non tutte sono puttane tra prostitute in rete, in strada e/o indoor mentre si consumano rapporti sessuali (esentasse) del tutto consenzienti o, viceversa, coercitivi. Raccogliendo le loro confidenze, e gli uomini lesti a metter mano al portafogli per un po’ d’amore marcio, o volgare, Mia, tra una donna e l’altra, ore in chat ad indagare l’emporio del sesso su portali in apparenza amichevoli (nei fatti bordelli ai loro interni) dietro un’inserzione tra le migliaia caricate, conosce un uomo addentrandosi in prima persona, un’unica volta, nel mondo dei sentimenti raggirati. Corrotti e più compromessi, spaventati. L’incantatrice di numeri, di Maria Bellucci. www.mariabell.it Due Minuti Un Libro --- Send in a voice message: https://podcasters.spotify.com/pod/show/dueminutiunlibro/message
L'altra Campagna di Russia. CSIR – ARMIR 1941-1943 - Tralerighelibri
15-05-2023
L'altra Campagna di Russia. CSIR – ARMIR 1941-1943 - Tralerighelibri
Il saggio analizza, grazie a numerose pubblicazioni e a inediti documenti d’archivio, due pagine poco studiate della Campagna di Russia. La prima è legata al viaggio verso la zona di guerra vissuto tra l’esercitazione, il piacere, l’incognita della sfida. Il passaggio attraverso le zone di guerra e l’incontro di un mondo differente con la ferocia tedesca, gli ebrei vestiti di stracci - che avevano una “fame che spaventava” - e poi i prigionieri di guerra russi e francesi sfiniti lungo i binari. La seconda pagina descrive la vita nelle retrovie tra i magazzini, gli ospedali, i reparti autieri. Dispacci, ordini, “suggerimenti”, diramati ai comandi inferiori per contrastare gli incendi, le malattie veneree, i partigiani, i ferimenti accidentali, il freddo e il gelo, l’uso dell’elmetto e cosa fare in caso di attacco aereo. E poi la lotta ai topi, “con le trappole e i gatti”, il contrasto al vezzo di raccogliere cimeli di guerra e nasconderli tra i bagagli per portarli a casa, fino alle ricette tedesche per salvare l’olio di girasole e il burro diventati rancidi. Grazie a questo lavoro è possibile osservare con quanta impreparazione e leggerezza il Regio Esercito Italiano affrontò la guerra in Unione Sovietica. L'altra Campagna di Russia. CSIR – ARMIR 1941-1943, di Andrea Giannasi, Tralerighe Libri Due Minuti Un Libro --- Send in a voice message: https://podcasters.spotify.com/pod/show/dueminutiunlibro/message
La banalità del bene. Dalla pena capitale agli stermini: la morte come progetto politico - Tralerighelibri
15-05-2023
La banalità del bene. Dalla pena capitale agli stermini: la morte come progetto politico - Tralerighelibri
C’è un filo logico che collega la pena capitale a uno sterminio: entrambi sono una decretazione di morte inclusa in una volontà politica: la prima individuale, la seconda in massa. Per spiegare la morte come progetto politico l’autore ha risposto con un approccio multidisciplinare a delle semplici domande: cos’è? Perché? Chi la fa? A chi? Con chi? Dove? Quando? In quale contesto? Con quali conseguenze? Prendendo poi le mosse dal costrutto della «Banalità del male» di Arendt, l’autore ha elaborato un nuovo punto di vista sugli esecutori, che proprio banali non sono. Non si è trattato di ribaltare completamente il pensiero di Hannah Arendt, ma di aggiungere una aggravante ai loro comportamenti. Per questo l’autore preferisce utilizzare l’espressione «banalità del bene». La banalità del male presuppone un vuoto cognitivo, di giudizio; mentre al contrario la banalità del bene è un pieno di nuove norme morali, di nuovi giudizi, di premeditazione e di passione. In questo contesto è un bene che diventa banale, perché instaura una precisa grammatica di potere che decide chi deve vivere e chi deve morire. Un potere che conduce l’Essere all’essere, insomma solo a un principio biologico della vita. Non importa se il programma di salvezza degli esecutori della morte prevede la dannazione di una parte dell’Umanità. La banalità del bene. Dalla pena capitale agli stermini: la morte come progetto politico, di Renzo Paternoster, Tralerighe Libri Due Minuti Un Libro --- Send in a voice message: https://podcasters.spotify.com/pod/show/dueminutiunlibro/message